WhatsApp Image 2021-12-07 at 14.36.07
WhatsApp Image 2021-12-07 at 14.41.34

LED

I LED, laboratori educativi, si propongono come spazi costituiti e legittimati negli orari e locali scolastici, dedicati a piccoli gruppi omogenei per età.

Le attività sono complementari a quelle didattiche ma non sovrapponibili, dedicate in particolare alla socialità, alla partecipazione, all’assunzione di consapevolezza e all’accrescimento dell’attenzione strutturata.

La dimensione compartecipata della progettazione permette di costruire un percorso con finalità a più livelli: formazione congiunta degli adulti impegnati coi ragazzi nella scuola e nell’extra-scuola; azioni educative dirette nel piccolo gruppo di pre-adolescenti; interventi individualizzati.

FINALITÀ

Le attività educative dei LED sono state programmate partendo dai seguenti assunti condivisi con i docenti (cfr. documenti Rimessi in Gioco e Un laboratorio educativo a scuola, a cura del prof. F. Santamaria)

  • far sperimentare ai ragazzi/e un ambiente rasserenante, positivo e accogliente in termine di relazioni, attività e gestione dei tempi;
  • accrescere i livelli di consapevolezza e autostima rispetto alle proprie capacità individuali;
  • vivere esperienze interessanti e coinvolgenti.

Nel piccolo gruppo, i ragazzi possono perseguire obiettivi stabiliti dal consiglio di classe in collaborazione con gli educatori della fondazione, favoriti dall’uso di spazi e di setting differenti da quelli d’aula e arricchiti dall’accesso di strumentazioni e spazi pubblici (es. visite guidate).

Il gruppo classe d’appartenenza viene comunque coinvolto: i ragazzi frequentanti i LED sono accompagnati nella preparazione di materiali e/o percorsi di co–elaborazione di testi/video etc che vengono presentati ai compagni, al termine del quadrimestre frequentato.

DESTINATARI

Sono gli studenti della Scuola secondaria di primo grado.

LINEE GUIDA

  • “Il piccolo gruppo” come spazio d’apprendimento e luogo di scambio per la contrattazione dei significati; l’apprendimento cooperativo crea situazioni tali da permettere agli studenti di comprendere che, oltre ad essere aiutati, possono offrire il proprio aiuto in una reciprocità con ricadute positive all’autostima e alla socialità;
  • Il “gioco” come attività educativa, ossia trasformativa e di decostruzione e ricostruzione dei saperi;
  • Approccio metacognitivo, al fine di sviluppare nel ragazzo/a le capacità per essere “gestori diretti” delle proprie capacità cognitive, dirigendoli attivamente con proprie valutazioni e indicazioni operative.

I NOSTRI SPAZI LED

LED DRUSIN

I LED sono un modello di intervento progettato e sperimentato insieme alla Scuola secondaria di primo grado T. Drusin nell’anno scolastico 2015/2016 e proseguiti nell’anno scolastico 2016/2017.

A.S. 2020/2021

Il LED di quest’anno è stato, per forza di cose, un po’ diverso dal solito: non è stato possibile mescolare le classi e gli incontri sono 4 per ogni gruppo.
Nonostante questo, la creatività, la fantasia e l’impegno dei ragazzi hanno permesso al percorso di giungere al termine.

Tutti i 17 gruppi LED hanno lavorato sul tema del cambiamento, creando delle mini redazioni giornalistiche per cercare le informazioni, le immagini, scrivere gli articoli e impaginare. I lavori sono raccolti in un inserto speciale del Drusinews.

LED ZANUSSI

Il Led è un laboratorio educativo che si propone di sperimentare un nuovo modo di fare e di stare a scuola accrescendone l’offerta formativa esistente.

Il percorso è frutto della collaborazione tra l’Istituto L. Zanussi di Pordenone e la Fondazione Ragazzingioco: dal 2014 sono stati attivati percorsi di formazione e co-progettazione che, a partire dalla lettura dei bisogni, hanno attivato modifiche e trasformazioni operative.

Dall’anno scolastico 2018/’19 la Cooperativa sociale Onlus Itaca di Pordenone è Partner del progetto.
Il servizio si rivolge agli/alle studenti/esse delle classi seconde.

GALLERY

Privacy Policy Cookie Policy